Post

Visualizzazione dei post da 2016

La felce dolce

Immagine
Felce dolce (Polypodium vulgare L.)Pteridophyta
Fam.: Polypodiaceae



Faggeta in autunno

Immagine
L’autunno è una stagione particolare alle nostre latitudini: le piante e gli animali si preparano all’inverno e cambiano aspetto e fisiologia. Le piante caducifoglie ci offrono uno spettacolo di colori caldi dalle mille sfumature:



La linfa rallenta, si chiudono i vasi terminali  e le foglie un po’ alla volta cambiano colore e seccano.
Nel bosco spicca il verde scuro dei pini che riescono a conservare gli aghi pur rallentando il loro metabolismo.
Le nuvole e la foschia rendono il paesaggio surreale.



In autunno, la faggeta mantiene un fascino speciale: ad ogni passo le foglie sul terreno scricchiolano, le colonne grigie dei tronchi svettanti accompagnano lo sguardo verso l’alto;  il sottobosco è dorato sotto i raggi del sole; tremolano le ultime foglie attaccate ai rami.




Fringuelli e peppole improvvisamente si involano, quasi indistinguibili tra il manto di foglie marroni sul terreno; qualche cinciallegra si muove rapida tra i cespugli presso i ruscelli alla ricerca di insetti.
Du…

Zucca in vaso: epilogo

Immagine
La piantina di zucca seminata nel vaso è riuscita a fiorire in settembre; ben concimata con i resti della pulitura delle verdure si è sviluppata. Sono sbocciati tre fiori, ma non è comparso nessun abbozzo di frutto.



La piantina di timo in compenso si è rinvigorita e adornata di fiorellini biancoazzurri.



Alla fine del mese la zucca è seccata.
L'esperimento di semina in vaso direi che è riuscito; logicamente la piantina non ha avuto il tempo di fruttificare poiché la semina è avvenuta troppo tardi.
Il prossimo anno seminerò prima e molto probabilmente riuscirò ad avere almeno un frutto.

Vita di un afide: Chermes abietis

Immagine
Pomeriggio d’autunno; una breve passeggiata ed ho l’occasione di incontrare degli interessanti, minuscoli insetti che hanno trasformato un giovane abete rosso in un affollato condominio!



Abete rosso o Peccio (Picea excelsa (Lam.) Link)

Immagine
Fam.: Pinaceae


Caprifoglio nero

Immagine
Famiglia: Caprifoliaceae


Tracce di animali: gusci forati dal balanino

Immagine
Penso sia capitato a tutti di cercare le noccioline nel bosco e di raccoglierne regolarmente qualcuna bucata, tipo queste:


e una volta aperte, cosa avete trovato?
Chi si è mangiato il frutto?

Faggio (Fagus sylvatica L.)

Immagine
Fam.: Fagaceae
Albero che può raggiungere i 10-30 m di altezza, cespuglioso alle quote maggiori.
Ha un portamento slanciato, fogliame leggero e ampio in chioma non troppo folta; ha radici sviluppate in superficie; il tronco è alto e sottile quanto più il bosco è fitto.

Come l’uomo ha influenzato la vegetazione alpina?

Immagine
Grandiosi eventi geologici e drastici cambiamenti climatici hanno influenzato le specie vegetali della regione alpina per centinaia di milioni di anni. A questi si aggiunge la presenza dell’uomo, ultimo arrivato sul Pianeta, una manciata di milioni di anni fa.

Come mutarono i boschi delle valli alpine dopo le glaciazioni?

Immagine
Alla fine del Pleistocene, le aree che a mano a mano si liberavano dalla morsa dei ghiacci venivano gradualmente colonizzate dalla vegetazione: in una prima fase ancora fredda si sviluppò la tundra a Dryas, con specie erbacee, in seguito anche gli alberi si fecero avanti risalendo lungo le valli.
I pini cembri furono i primi a colonizzare le vallate alpine, circa 12.000 anni fa.

Impronte di lupo, di cane e di volpe: differenze

Immagine
Le impronte della volpe si potrebbero confondere con quelle di un piccolo cane.  Ma la disposizione dei polpastrelli delle dita permette una distinzione.

Come e quando ha avuto origine la flora alpina?

Immagine
La flora alpina si è modificata nel tempo in seguito ai mutamenti climatici legati alla storia del continente eurasiatico.

Per gran parte della storia della Terra, i continenti erano uniti in un unico blocco che cominciò a dividersi solo a partire dal Giurassico; quindi i poli, l'equatore, le terre emerse e le fasce climatiche avevano una dislocazione ben diversa da quella odierna.

La zucca cresce

Immagine
Dei dodici semi di zucca seminati a metà luglio nel vaso-serra solo una piantina è sopravvissuta.

Vaso-serra: primi germogli

Immagine
Ricordate la semina nel vaso-serra? Il vaso è stato bagnato tutti i giorni alla mattina presto o alla sera.

Tracce di animali: i gusci rosicchiati

Immagine
Per capire quali animali frequentano una certa zona bisogna fare attenzione alle tracce che essi lasciano sul terreno: spesso ci sono utili le impronte, altre volte occorre guardare ciò che rimane in terra dopo i loro pasti.Osservando come il guscio di una nocciola, di una ghianda o di una noce è stato inciso e rotto possiamo capire chi si è nutrito del frutto.Vediamo in che modo il topo selvatico, il ghiro e lo scoiattolo rompono la frutta secca che trovano nel bosco.

Zucca in vaso-serra

Immagine
Da oggi vi propongo una serie di nuovi post, intitolata “Esperimenti”.
Ogni tanto mi piace pasticciare nell’orto o fare piccoli lavoretti con materiale di recupero.
Ho deciso di documentare fotograficamente questi esperimenti e pubblicarli, per avere anche consigli e suggerimenti. Chissà se me ne riesce qualcuno!
Partiamo con il vaso-serra!

Mia figlia ha trovato in fondo ad un cassetto una bustina con alcuni semi di zucca; “Mamma, li seminiamo in cortile? voglio vedere se vengono le zucche!”.
Detto … fatto!
Un vaso, un po’ di terra, qualche rimasuglio della pulizia delle verdure ed ecco il vaso pronto per la semina!


Certo qui in montagna è un po’ tardi per seminare le zucche: per aiutare la germinazione ho pensato di allestire una mini-serra.
Una bottiglia di plastica trasparente fa al caso nostro: tagliata a metà per il lungo dona due semi cilindri che possono coprire il vaso.
Tracciamo due solchetti nella terra e vi poniamo i semi:


Si ricoprono delicatamente con la terra, si annaffiano e poi…

Fioriture

Immagine
Siamo a giugno, ma il tempo è ancora incerto: le piogge non vogliono abbandonarci.
Nei giardini alcune piante fioriscono comunque, rallegrandoci con i loro colori ...

rododendri ...










 clematidi,  azalee ...

e peonie.