Il larice


E’ un signore della montagna: riesce a crescere in luoghi impervi, si piega sotto la neve e si rialza, cambia aspetto con le stagioni … Il larice è una delle piante che preferisco.

Il suo nome scientifico è Larix decidua Mill. ed appartiene alla famiglia delle Pinaceae.
larici
Albero originario dell’Europa centrale, molto utilizzato per rimboschimenti in Europa e Nord-America.
E’ una conifera a foglie caduche: le foglie sono a forma di ago, di colore verde-chiaro, raccolte in ciuffetti. In autunno prima di cadere le foglie diventano di un bel giallo oro.
larici Troncealarici autunno









Raggiunge l’altezza di 30-40 m.
Fiorisce in marzo-aprile: i fiori maschili e quelli femminili sono su piante separate.
Le infiorescenze maschili appaiono gialle per il polline, quelle femminili, arrotondate e lunghe circa 1 cm, rossicce, prima ricurve poi dritte e chiare.

I frutti sono coni legnosi: bruni, oblunghi, di 4-5 cm, od ovali, da 1,5 a 3 cm; hanno squame ondulate; persistono sui rami anche dopo la liberazione del seme.
infiorescenze femminiliconi larice autunno
La corteccia è grigio-rosata, con fessure e corrugamenti.
Il suo legno è molto pregiato.
In Valle Cervo, in passato, con la sua resina si curavano le ragadi alle mani.

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Caratteristiche dell’ambiente alpino

Tracce di animali: i gusci rosicchiati