Semplicemente osservo …


Il 1 maggio di qualche anno fa … dal sentiero che da Oretto porta al Santuario di San Giovanni in Valle Cervo (Campiglia Cervo – Biella).

Come oggi la neve persiste sul monte Tovo, ricordo del recente inverno che ci lasciamo alle spalle.
I prati offrono le prime foglie tenere di tante specie commestibili; i ciliegi selvatici fioriscono.
Le pendici boscose si tingono qua e là di verde chiaro: le giovani foglie dei faggi si aprono come ventagli verso i raggi del sole.
Primavera come sempre, ma ogni anno … stupore e nuove speranze!
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tracce di animali: i gusci rosicchiati

Caratteristiche dell’ambiente alpino