Fotografare uccelli

Fotografare gli animali non è facile:
bisogna trovarli, non stanno in posa, non sempre le condizioni di luce sono ideali, insomma ci sono veramente tante variabili che rendono impegnativo lo scatto!

Con gli uccelli ed in particolare i passeriformi, che sono piccoli e generalmente molto attivi, le cose non sono semplici, ma con qualche trucco il fotografo può avere qualche soddisfazione!

Vi racconto una mia esperienza personale.
A me piacciono molto le Cinciallegre; hanno una livrea coloratissima da vere modelle e si mettono nelle posizioni più acrobatiche. Fotografarle mentre volano e si spostano tra i rami di un albero è difficilissimo.
Un giorno di febbraio di alcuni anni fa avevo a disposizione un pezzo di grasso di maiale, residuo di cucina, così pensai di offrirlo alle gentili bestiole in cambio di un servizio fotografico! Chiusi il grasso in una retina che appesi al balcone in modo da farlo pendere davanti alla porta finestra; mi appostai dentro la stanza contro la parete opposta al balcone e lasciai la finestra aperta.
Armata di teleobiettivo e di santa pazienza (e maglione!) attesi un po’ (non so quanto, si perde la cognizione del tempo in tali occasioni …);
finalmente la soubrette arrivò: si guardò intorno, saltò un po’ su e giù sulla retina, si mise a testa in giù ed assaggiò!
La pappa le piacque e mentre lei si riempiva la pancia io scattavo!
Che bello, l’attesa fu ripagata!

Ecco gli scatti di quel giorno:
                
cinciallegra_0001

























cinciallegra_0004























cinciallegra_0003



























PS: se volete provare, non lasciate troppo a lungo il grasso esposto al sole, altrimenti colerà sul balcone lasciandovi uno spiacevole lavoro di pulizia … sigh!
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tracce di animali: i gusci rosicchiati

Caratteristiche dell’ambiente alpino