La noce: la ghianda degli Dei!

Molte specie vegetali sono utili per l'uomo per svariati motivi: a scopo alimentare, medico e per la produzione di oggetti della vita quotidiana.
"Re" delle piante utilissime è il noce,
che per gli antichi Greci donava le ghiande degli Dei!

Noce (Juglans regia L.)

Fam. Juglandaceae


Albero di altezza variabile da 10 a 25 m, può raggiungere dimensioni ragguardevoli con chioma tondeggiante.



Il tronco ha la corteccia di colore chiaro, bianco-cenere, con poche screpolature; il legno tagliato è bruno-grigio con venature scure.
Le foglie hanno un caratteristico odore fragrante; sono alterne, composte da 5-9 foglioline di colore verde intenso, ovali ed appuntite, quasi sessili e con margine intero. La pagina superiore delle foglioline è glabra e lucida, mentre quella inferiore è ricoperta da peluria.

La stessa pianta porta fiori maschili e femminili separati:




i fiori maschili, dalla corolla di 5-6 lobi, sono numerosi e raccolti in amenti penduli;









i fiori femminili sono muniti di brattee, isolati all'apice dei rami.





Il frutto è una drupa, composta da una parte esterna, chiamata mallo, carnosa e verde, e da una parte interna legnosa (guscio) contenente il seme commestibile (gheriglio formato da due cotiledoni ricchi di olio).
 

La specie è originaria dell'Asia ed è stata introdotta in Europa nell'antichità. 
I Greci la importarono dalla Persia e chiamarono i suoi frutti “ghiande degli Dei”; le noci erano sacre a Dioniso e il mito racconta che una sua sacerdotessa fu trasformata in un albero di noce.

Attualmente è coltivato nelle zone mediterranee e montane, dalla costa sino ai 1200 m di altitudine.

Fioritura: aprile-maggio.
Fruttificazione: settembre-ottobre.

Il frutto (molto utilizzato in cucina) contiene grassi insaturi (olio), cellulosa ed un 26% di acqua
Il mallo, usato per la produzione del liquore nocino e in cosmesi, contiene tannini, vitamine A, B, C e juglone.
Le foglie sono ricche di olio essenziale, vitamina C, minerali e tannini.
Per le sostanze che contiene questa specie ha dunque proprietà astringenti, antisettiche, depurative e digestive, nonché vermifughe.
Il legno del noce è pregiato ed utilizzato per la costruzione di mobili.
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Caratteristiche dell’ambiente alpino

Tracce di animali: i gusci rosicchiati