Casetta per insetti

Le giornate autunnali e invernali si prestano a preparare oggetti utili nella bella stagione: chi possiede un giardino, un orto o un balcone con vasi di fiori potrà dedicarsi alla costruzione di semplici casette per gli insetti.

Qual è lo scopo di tale attività?

Favorire la biodiversità del luogo in cui viviamo.
Non introduciamo specie nuove, bensì attiriamo impollinatori e predatori dei parassiti delle piante del giardino creando dei ripari idonei alla loro riproduzione o svernamento. 

Qualche esempio di insetti utili in giardino: 

  • le xylocope violacee depongono le uova in gallerie scavate da loro stesse nel legno o utilizzano cavità già presenti e portano in tali nidi scorte di polline di cui si nutriranno le loro larve; volando da un fiore all'altro in cerca di polline favoriscono la riproduzione delle piante;
     
  • le api selvatiche, instancabili impollinatori, utilizzano come nido il legno forato;
     
  • le coccinelle, voraci predatori di cocciniglie, acari e afidi, svernano sotto le cortecce o in mezzo ai resti vegetali, asciutti e caldi (es. paglia in un vaso appeso al riparo delle intemperie).


Mettiamoci al lavoro e proviamo a fabbricare una semplice casetta. 

Io ne ho costruita una riciclando una bottiglietta di plastica, ma si possono usare vari materiali, dal legno ai mattoni a seconda del luogo dove vogliamo metterla o del nostro gusto estetico (gli insetti non fanno caso al tipo di materiale ma alla sua utilità!). 


Occorrono anche dei rametti, per esempio di sambuco o altro legno dal midollo tenero.




Con un paio di cesoie si tagliano i rametti di una lunghezza tale che si possano inserire bene nella bottiglia.


Con un succhiello estraiamo un po' di midollo dai rametti, in modo da creare un tunnel.
Ottimo se i rametti sono di diametro vario, attireranno più specie di insetti.


A questo punto non ci resta che inserire i rametti nella bottiglia, premendoli bene uno contro l'altro.




La casetta è pronta; con un cordino leghiamo il collo della bottiglia e il corpo della stessa per appenderla.
Si deve avere l'accortezza di orientarla con l'apertura verso il basso in maniera che la pioggia non bagni i rametti e l'acqua non ristagni nella bottiglia.
Cerchiamo un posto nel giardino vicino ai fiori e mettiamo la casetta appesa ad un ramo o ad un chiodo su di un muro, possibilmente orientata a sud (prenderà più sole).

Nelle foto seguenti vi mostro l'orientamento della bottiglia e la posizione della stessa vicino ai vasi del mio cortile.





Buon lavoro!

Chissà quali insetti occuperanno la casetta! 
Occhi aperti e fatemi sapere!
Posta un commento

Post popolari in questo blog

Caratteristiche dell’ambiente alpino

Tracce di animali: i gusci rosicchiati