25 dicembre, 2014

Auguri … di ghiaccio!

Buon Natale 2014 a tutti gli amici di Zibaldone di una naturalista!
La Natura sa creare decorazioni lucenti,
di forma geometrica o fantastica,
belle, semplici o complesse,
ma … effimere:
scompaiono ai primi tepori della primavera!

v3p4_0004

06 dicembre, 2014

Fauna alpina: definizione

In natura ogni specie, sia animale che vegetale, si moltiplica e si diffonde più o meno rapidamente, nei territori circostanti, a maggiore o minore distanza, in relazione ai propri mezzi di diffusione.
Si instaura così una “lotta per la sopravvivenza”, sinché si determina un equilibrio tra le diverse forme di vita.
Numerosi sono i fattori che limitano il numero di individui di ogni singola specie: questo è un bene altrimenti una o poche specie invaderebbero tutto il territorio ad esse favorevole, togliendo spazio e cibo alle altre specie più deboli.
Facciamo un esempio: le piante sono limitate nel loro accrescimento dagli animali erbivori; questi a loro volta sono contenuti nel loro aumento numerico dall’azione dei carnivori.
Altri fattori limitanti? Le malattie, dovute a batteri, virus o legate a malformazioni congenite; eventi meteorologici estremi o eruzioni vulcaniche che modificano irrimediabilmente e bruscamente l'habitat di alcuni esseri viventi.
Le specie animali variano da regione a regione anche a seconda dell’ambiente in cui si trovano, intendendo con il termine “ambiente” (“biotopo” per gli ecologi) tutto il complesso dei fattori climatici e delle caratteristiche fisico-chimiche del luogo in cui si insediano gli organismi.
Tutti questi sinora citati sono fattori limitanti naturali, legati ai ritmi e alle leggi che da migliaia di anni caratterizzano il nostro pianeta: un discorso a parte è quello relativo all'azione dell'uomo sulla natura, argomento che affronteremo prossimamente.
Vorrei per ora soffermarmi sulla fauna alpina e sulle caratteristiche dell'ambiente alpino.
Fauna alpina: molti pensano subito a stambecchi, marmotte e pernice bianca!
Bene! Ma le specie alpine sono in realtà moltissime! Non dobbiamo dimenticare anche gli animali più “piccoli” e meno visibili, nascosti nel terreno o portati dal vento.
Con il termine di “fauna alpina” quindi intendiamo tutta la fauna che popola le Alpi al di sopra del limite superiore della vegetazione forestale, comprendendo invertebrati, anfibi, rettili, uccelli e mammiferi tipici e con adattamenti morfologici, fisiologici ed etologici particolari.
v3p5_0019
Panorama alpino:
la destra orografica della Val Troncea (Pragelato - Piemonte)